Sincera, qualitativamente elevata e “passionale”.
Questi tre concetti racchiudono il fascino di Birra Flea. Perché la birra artigianale si riconosce dal tipo di preparazione, certo, ma anche dal sentimento che riesce a propagare in chi la conosce e in chi la beve.

E Flea, ve lo assicuriamo, è un territorio che parla. Uno dei più affascinanti territori d’Italia. Come ci racconta Alessandro Bazzucchi, responsabile commerciale dell’azienda: «Il progetto Flea nasce da due concetti: la passione e l’amore per il territorio umbro e per Gualdo Tadino».


bazzucchi flea

Alessandro Bazzucchi, Responsabile Commerciale Birra Flea


La passione – continua Bazzucchi – di una persona: «Matteo Minelli, fondatore e leader dell’azienda. Lui che già, nonostante la giovane età (è nato nel 1980), era un imprenditore affermato nel settore delle energie rinnovabili, ha deciso di mettersi in gioco trasformando il proprio amore per la birra in una professione». E così, il 17 maggio 2013, nasce questa fantastica avventura.

Il fondatore di Flea Matteo Minelli e il testimonial Marco Materazzi


Il secondo elemento, l’amore per il territorio, si scorge in ogni ambito del prodotto.
Innanzitutto nel nome dell’azienda e delle referenze: «Il nome dell’azienda prende il nome dalla Rocca Flea, edificio medievale simbolo della città di Gualdo Tadino. La particolarità di questa rocca è che, dopo un incendio avvenuto nel 1242, fu completamente ricostruita da Federico II di Svevia: per questo motivo la prima birra prodotta da Flea è stata chiamata, appunto Federico II. E per questo motivo tutte le referenze successive prendono il nome di persone legate al leggendario condottiero: la madre Costanza, la moglie Biancalancia e e così via».
Dunque un omaggio all’Umbria, territorio tra i più belli e ricchi di storia d’Italia, e al Medioevo.

Poi nel packaging: «Logo e bottiglie sono state ideate in autonomia da Matteo e dalla moglie Maria Cristina. Anche qui il richiamo alla terra è forte: i colori delle etichette richiamano quelli dei quattro rioni della città di Gualdo Tadino».

birra flea

Abbiamo parlato delle emozioni che questa birra suscita, ma anche la produzione in sé è all’avanguardia: «L’impianto nasce in un capannone della famiglia di Matteo, prima adibito alla produzione dei cereali. Un impianto medio piccolo che negli anni è cresciuto e sta crescendo. Flea è dunque prodotta interamente con orzo umbro di nostra produzione. Per quanto riguarda l’acqua, le fonti di Gualdo Tadino sono universalmente riconosciute come tra le più pure in Italia».

Una rocca, un paese, il richiamo a oltre 800 anni di storia Ecco perché Birra Flea è più di una semplice birra«Il nostro obiettivo, in breve, è quello di crescere facendo le cose bene e nel massimo rispetto della tradizione e della qualità. Solo così un prodotto può essere apprezzato appieno: perché la qualità, alla fine, viene sempre riconosciuta e stimata».


Scopri di più sulle referenze Flea, esclusiva di zona Eurodrink!

birra bastola fleabirra bianca lancia fleabirra federico ii fleabirra federico II extra Fleabirra isabella fleabirra violante fleabirra margherita flea